L’NFT questo sconosciuto | Scopriamo la loro identità con Mik Cosentino

scopriamo gli nft con mik cosentino

L’obiettivo di questo articolo è quello di fare chiarezza sul mondo NFT e come mai a breve diventerà uso quotidiano il suo parlarne.

Prima di entrare nel vivo di questo articolo ci tengo a mettere i puntini sulle i riguardo a qualche eventuale atteggiamento da parte di tutti coloro che mi conoscono.

Stiamo vivendo un forte cambiamento epocale, prima con la pandemia, ora con conflitti politici di media/forte entità ma in tutto ciò il denaro continua a fare il suo gioco.

Passa da una mano all’altra anche a seconda di quelli che sono i trend del momento.

L’NFT sembra essere uno di quei trend anche se (come ho ribadito diverse volte nei vari video sul mio canale YouTube) in realtà per come si stanno evolvendo le cose, è fatto per rimanere.

Poi il tempo ci darà ragione o meno, ma ad ogni modo questo è quello che ritengo personalmente anche sulla base di quanto ho avuto modo di toccare con mano con gli ultimi avvenimenti.

Per chi fosse la prima volta che atterra sul mio sito ed è rimasto interessato a temi di marketing online, vendita telefonica e business online… effettivamente questo è quello che faccio da sempre e che ho pure utilizzato e sto continuando ad utilizzare anche all’interno del mondo NFT.

Del resto l’Infomarketing permette appunto di veicolare nel modo corretto la percezione di un prodotto o servizio di fronte al giusto pubblico.

E se da fuori potrebbe sembrare che il mio focus attuale sia UNICAMENTE sugli NFT… in realtà l’InfomarketingX e questo nuovo mondo, sono due facce della stessa medaglia.

Permettimi di spiegarti quello che intendo dire a riguardo.

L’NFT sarà uno strumento sempre più presente nelle nostre vite, sostiene Mik Cosentino

Capisco che il titolo appena condiviso sembra da “intervista” ma per certi versi è come se mi stessi intervistando per permettere una visione globale a tutti coloro che si stanno sentendo un po’ confusi con sto gridare in piazza a squarciagola: NFT, NFT, NFT!!!!

Inutile ribadirlo ma viviamo in un’epoca che sta sfiorando il 4.0 dove ogni interconnessione è così rapida e istantanea che ormai ogni cosa viaggia alla velocità della luce.

E pure il denaro segue lo stesso ritmo dei nuovi trend.

Per quanto si possa essere più o meno d’accordo con quanto ho condiviso, c’è da dire che è un palese dato di fatto.

I soldi girano sempre. Hanno girato e sempre lo faranno.

Sta a noi scegliere quale strumento può essere più o meno efficace (a seconda del contesto) utilizzare per seguire quel flusso.

E’ risaputo che da quando ho fatto il mio ingresso in scena nel panorama del marketing moderno sono sempre stato riconosciuto come il “marketer ribelle” e che monetizza velocemente idee o esigenze richieste sul mercato.

Ribadisco: richieste dal mercato.

Sarà che il mondo del nuoto mi ha installato nei miei geni il fatto di andare veloci e di battere il tempo… ma anche nel mondo del business o comunque del lavoro in generale ho trasportato lo stesso identico principio.

Il fatto è che adesso le cose stanno cambiando repentinamente.

E’ sotto gli occhi di tutti ma è anche vero che non tutti sono disposti e disponibili a vedere cosa sta succedendo.

Gli NFT sono il presente, ecco perché Mik Cosentino ne parla

Non sono l’unico a dirlo (oltreoceano) ma qui in Italia si sono l’unico che sta facendo le cose seriamente con gli NFT e lo dimostrano le recenti realtà che ho concretizzato appena la fine del 2021 con il progetto Birdez Gang e recentemente con Vision Distribution portando nelle sale dei Cinema italiani il primo film con annessa collezione di NFT: Occhiali Neri by Dario Argento.

Ti condivido qui sotto il video in cui ne ho parlato.

Non è che voglio tirarmela ma adoro parlare con i fatti. Chiunque può parlare con le parole, ma in pochi possono confutare realtà concrete ed efficaci che contribuiscono a favorire ai suoi utilizzatori dei veri e propri benefici.

Perché il reale valore degli NFT è proprio questo, nelle utilità a cui sono collegati.

Ovviamente c’è anche un discorso “speculativo” dietro ma in realtà per chi ne sta sentendo parlare solamente adesso e vede persone che ne parlano sempre di più e si sentono un pelino indietro con i tempi… in realtà non è mai troppo tardi per entrare in un mondo che sarà sempre più di attualità e di parlare quotidiano nel tempo.

Tuttavia bisogna essere anche veloci e scaltri nel cogliere delle occasioni quando i frutti devono maturarsi ed ancora non c’è molta conoscenza in materia.

E’ risaputo che l’intelligenza finanziaria dell’italiano medio non spicca chissà quanto, ed i soldi ancora oggi rimangono un tabù.

Sebbene ne si dovrebbe parlare sulla loro corretta gestione fin dalle scuole anziché rimanere un argomento con un certo alone di mistero, ad oggi è più facile criticare anziché mettersi a tavolino ed argomentare di temi che possono essere concretamente interessanti (oltre che profittevoli).

Tutti noi sappiamo che senza il denaro come strumento di “scambio” si vive una vita di privazioni. Ed il fatto che io Mik Cosentino stia condividendo questi concetti non deve farti arricciare il naso credendo che io stia condividendo questi temi solamente perché sono finanziariamente libero.

No, condivido questi temi perché voglio sensibilizzare un pubblico di persone attento e con le “antenne dritte” riguardo a ciò che sta accadendo lì fuori da diversi mesi a questa parte e poter fare le sue adeguate valutazioni senza doversi trovare un giorno a dire: “se l’avessi saputo…

E’ triste quando succede, specialmente se succede perché non si aveva inteso il reale valore di una utilità ma c’è da dire pure che avrei potuto tranquillamente evitare di prendermi del tempo per argomentare di questi temi.

Sai perché?

eresia nft

Questo è quello che succede quando condividi dei concetti nuovi di fronte ad un pubblico che ancora non riesce a digerirne la sua presenza.

Del resto è normale, è accaduto a tutti i grandi luminari della storia ricevere pietre che dilapidavano nuovi concetti e teorie che poi sono diventate una verità accolta da tutti.

Con gli NFT vale la stessa identica regola.

E il fatto che io Mik Cosentino ne stia parlando oltre i soliti temi per cui una persona era solito sentirmi condividere in merito al discorso marketing online, vendita telefonica e business… sembra essere una vera e propria eresia.

Tuttavia se pure RTL 102.5 ha parlato di NFT con me, forse è il caso di fermarsi un attimo e ascoltare

Ehi, non ti voglio obbligare a farti una cultura sul mondo NFT e costringerti a saperne di più in materia, ma ho tutto il sacrosanto dovere e diritto di sensibilizzare le persone che mi seguono o che mi seguiranno su qualcosa che diventerà sempre più di uso comune.

Quello che sto facendo è “tradurre” e rendere “accessibili” tutta una serie di informazioni e novità che diversamente non sono così immediate da comprendere ai non addetti ai lavori.

Anche perché in questo contesto le informazioni sono tutte quante in lingua inglese e spesso sono anche frammentate.

Pertanto siccome per chi mi conosce da tempo sa che ho cercato di mettere SEMPRE al primo posto l’interesse dei miei fan, ecco che da oggi in poi parlerò sempre più in maniera approfondita di questo tema perché sono dell’avviso che sarà solamente questione di tempo e poi da qui a poco, l’argomento NFT sarà di uso comune con importanti vantaggi anche nel mondo “tradizionale”.

Come dicevo nel titoletto di poco fa, anche RTL 102.5 ne ha parlato e ti condivido qui sotto l’intervista andata in onda con me le scorse settimane.

In quel caso si è parlato di Occhiali Neri NFT ma ad ogni modo all’interno del video stesso condivido:

  • cosa sono gli NFT e perché ad oggi saranno sempre più presenti nelle nostre vite
  • come la loro presenza verrà utilizzata per creare maggiori utilità esclusive a cui prendere parte se ne si diventa detentori
  • quali sono alcuni criteri da considerare nell’evitare di capitolare in progetti che sono realmente dei “fantasmi” e non portano a niente
  • e alcuni consigli su come iniziare a muovere i primi passi dentro questo mondo

Nel mio blog avevo già condiviso qualche considerazione su cosa sono questi benedetti NFT e trovi l’articolo correlato cliccando qui >>

Capisco che di primo acchito non sembra così semplice come sembra entrare all’interno di questo nuovo mondo, ma l’andamento dei mercati si sta spostando tanto verso questo contesto e far finta di niente, voltarsi dall’altra parte pensando che sarà solamente una bolla e basta… a mio avviso rappresenta un “parlare senza conoscere abbastanza”.

E ciò non vuol dire che tutte le conoscenze e competenze che ho divulgato fino ad ora riguardo al marketing online, vendita telefonica e business online siano decedute per sempre.

Ci sono e ci saranno sempre – anche perché senza di quelle non si ha modo di far percepire il giusto valore in ogni cosa che verrà creata.

In questo caso gli NFT saranno visti come un pass esclusivo per accedere a delle utilità uniche nel loro genere a seconda del progetto a cui sono associati (questa è la grande svolta).

Gli NFT non sono delle semplici immaginette

Il punto è questo.

Ad oggi quando si parla di sti NFT si pensa subito che abbiamo a che fare con delle immaginette che una cerchia di persone è disposta e disponibile a spendere cifre da capogiro per prenderne parte.

E’ ovvio che se il “vociferare” quotidiano ha queste tendenze, la folla segue le opinioni più gettonate facendo di tutta un’erba un fascio. Detto in altre parole: generalizza.

Ma in realtà i progetti di NFT che prendono quota raggiungendo valori interessanti accade solamente per due principi:

  • un concetto di esclusività e proprietà di un qualcosa che pochi possono possedere e che può crescere di valore nel tempo (ovviamente può anche diminuire)
  • l’accesso a delle utilità (di importante valore percepito) associate al progetto stesso

Anche io qui ho “sintetizzato” diversi concetti ma l’ho fatto perché in realtà è questo il REALE valore dei Non Fungible Token se vogliamo chiamarli nel loro gergo tecnico.

Wikipedia ne parla in maniera più approfondita e “tecnica” dando anche una “cronistoria” della loro nascita. Pertanto se sei interessato a farti una cultura in merito, eccoti servito >> clicca qui.

Non ti spaventare se di quello che leggerai non ti sarà chiaro qualcosa, anche io ho avuto la stessa identica sensazione quando ho fiutato che in questo ecosistema ci sono molte ma molte meno frizioni d’acquisto.

Facevo realmente fatica a capire come una cerchia ristretta di persone potesse comprare molto facilmente a cifre anche importanti delle semplici “immaginette”, quando in realtà non sono semplici immaginette.

Questo l’ho dimostrato poco fa.

Come stavo dicendo, nel momento in cui mi sono reso conto che all’interno di questo ecosistema ci sono molte meno frizioni d’acquisto, per noi che ci occupiamo di marketing online, vendita ecc, sappiamo che ad oggi non è così spontaneo mettere una persona nella condizione di spendere i suoi soldi per un servizio o competenza che le può permettere di migliorare la sua condizione.

Pertanto ho scelto di approfondire il discorso per capire se ci poteva essere un qualche collegamento tra i “due mondi”, e siccome mi piace fare azione, sbagliare e capirci di più… ho iniziato a “sporcarmi” le mani.

Non sto a dirti (adesso) eventuali errori da evitare o trappole da cui stare alla larga, ma a fronte di quello che ho scoperto e applicato, mi sono reso conto che gli NFT sono uno strumento molto potente per creare valore, unicità e forte senso di appartenenza.

Altrochè semplici immaginette!!

Non dico che ad oggi si debba sposare appieno questo pensiero ma tutto ciò che ruota intorno questo mondo si basa su:

  • forte senso di appartenenza ai progetti che vengono creati oppure ai nomi noti di chi realizza gli NFT (peccato che non sempre le immaginette che si comprano mantengono il loro valore nel tempo – questo dipende da alcuni fattori che ti condividerò a tempo debito)
  • conoscere nuove persone con cui creare collaborazioni, innescare sinergie e apprendere anche per le esperienze altrui
  • diversificare le proprie entrate con nuovi ed innovativi asset finanziari che se utilizzati nel modo corretto possono essere molto interessanti (ovviamente non è un consiglio speculativo, ma solamente personale)
  • rendere questo mondo un posto migliore

Mi soffermo sull’ultimo punto. 

Per chi mi conosce dagli inizi della mia carriera nel mondo online, sono sempre stato guidato da nobili principi che ho trasferito sempre e da sempre a chiunque si è avvicinato a me.

Ed ora sto cercando di trasferire la stessa cosa, sto facendo la stessa cosa.

Ho realmente a cuore il successo e la crescita economica delle persone con cui entro in contatto portando prosperità e ricchezza.

ATTENZIONE: non sto costringendo di entrare all’interno di questo mondo, sto semplicemente mettendo a disposizione una conoscenza che in Italia ancora non c’è, perché sono stato l’unico a creare diversi progetti di NFT rendendomi conto delle criticità, di alcuni difficoltà ma anche di quanto valore aggiunto si può apportare mediante questo strumento.

Se non credessi così tanto in questo mondo così veloce e dinamico, non mi sarei esposto sul mondo NFT, e da questo momento in poi lo farò sempre di più, condividendo anche quali sono gli strumenti minimi necessari per poter operare in questo ecosistema.

Ovviamente non sei obbligato ad entrarci a tutti i costi.

Ma ho il dovere di metterti al corrente di quello che sta succedendo e di dove il mercato si sta spostando.

Lo ripeto: il modo di fare business online non è morto, sta solamente attraversando una forte transizione.

La transizione è l’utilizzo degli NFT come utilità

E così come nel mondo NFT ci sono progetti “fantasma” che non durano nemmeno il tempo di nascere… anche qui ciò che durerà nel tempo saranno quelle situazioni in cui si creano dei benefici DUREVOLI nel tempo.

Ciò che ad oggi consente di prosperare nel tempo è proprio dare VALORE aggiunto che innesca potenti e profonde trasformazioni a chi ne prenderà accesso.

Ciò che ti mette in connessione e collegamento con realtà che potrebbero essere troppo distanti. Ma grazie alle giuste sinergie, queste distanze si riescono ad accorciare tantissimo.

E’ questo il concetto che desidero far passare, perché è così!

Nel momento in cui le persone prendono parte agli NFT agganciati ai vari progetti SERI che ci sono in questo mondo, è come se prendessero un ticket univoco che può crescere di valore nel tempo e dare accesso a delle utilità UNICHE nel suo genere potendo vivere delle esperienze innovative che diversamente uno potrebbe restarne fuori.

Ovvio che come in tutte le cose, non è che tutti vogliono farne parte.

Quindi se tutto quello che ti ho condiviso fino ad ora è qualcosa che non rientra nelle tue corde, non ti piace, ne vuoi stare alla larga e ti sembra fuori luogo… sappi che io ti ho comunque messo al corrente delle novità.

Poi non dire che non ti avevo avvisato. Ci tengo a rimarcare questo concetto onde evitare che poi uno venga a dire: “eh ma potevi dirmelo!!

Te lo sto dicendo! Poi se non vuoi sentire… questo è un altro paio di maniche.

So che parlare di questi temi può sembrare qualcosa di strano. Comprendo anche il fatto di non essere sceso nemmeno nei linguaggi tecnici, ma ci tenevo a farti capire in modo SEMPLICE, cosa sono questi NFT e come devi vederli dalla giusta prospettiva.

Poi nei prossimi eventuali contenuti che pubblicherò andrò a condividere una sorta di carta d’identità dell’NFT così uno riesce a capire ancora meglio di cosa stiamo parlando.

Ad ogni modo, il livello di conoscenza delle informazioni si sta alzando e la barriera di comprensione pure, e capisco che di fronte questi temi ci si possa sentire spaesati, confusi, perplessi ed un po’ frastornati.

Ma a rendere semplice tutto quanto ci penso io.

Tuttavia ci tengo a precisare che questa non è una COSTRIZIONE.

Non sto dicendo che si deve entrare a tutti i costi in questo mondo degli NFT.

Sto solamente sensibilizzando il pubblico di fronte ad un contesto che diventerà sempre più presente, sempre più “il pane quotidiano”.

E se da un lato le cose andranno comunque bene per chi affina le competenze che da anni a questa parte ho condiviso, dall’altro lato stanno emergendo nuove evoluzioni che restarne fuori non ha il minimo senso.

Sicuramente sarà necessario apprendere anche l’inglese per comprendere meglio certi concetti ma… in fondo ad oggi se vogliamo avere un reale valore percepito sul mercato dobbiamo essere al passo con i tempi.

Non si può restare indietro. Chi resta indietro deve essere consapevole di quello che sta perdendo e se non ha modo di seguire queste evoluzioni, io farò in modo di creare quel giusto ponte.

Ovviamente sei liberissimo di attraversarlo o di restare a guardare. Però di una cosa devi essere certo: io Mik Cosentino sto mettendo in “sicurezza” il processo evolutivo.

Le ferite, gli errori, le cose su cui stare alla larga, le sto attraversando a mie spese, potendo così fare quello per cui ogni persona che mi ha conosciuto mi ha confermato: essere un innovatore che ispira le persone a pensare in grande e realizzare la vita che desidera con gli strumenti presenti oggi giorno e le loro evoluzioni.

Al momento non ho una “chiamata all’azione” specifica da farti compiere in questo articolo, se non quello di rileggerlo, approfondire in autonomia i contenuti condivisi all’interno e di restare in “campana” per le prossime uscite che rivelerò perché voglio sensibilizzare il pubblico su questo mondo così da poter creare una vera “autonomia”, senza percepire il minimo tentennamento di fronte questi temi così nuovi, così veloci.

Ovviamente chi vuole starmi vicino, qui sarà sempre il benvenuto!

Ma ci tengo a ripetere che NON condividerò dei progetti di NFT sui quali investire e fare soldi. Non sono un financial advisor e non mi interessa farlo.

Il mio obiettivo è SENSIBILIZZARE la conoscenza delle persone così da poter avere una cultura “gratuita” su un mondo che sarà sempre più presente nelle nostre vite.

E tanto per fare un esempio, ecco qui una prova che mi ha condiviso uno studente nell’Heroes Mastermind proprio oggi:

nft mcdonalds
Questa foto è estrapolata dalla chat su Slack del mio Heroes Mastermind

Questo cosa significa? Che quando anche aziende come McDonald’s ne fanno utilizzo e lo sfruttano nel loro marketing… non serve che aggiunga altri dettagli no?

Detto ciò noi ci rileggiamo nei prossimi articoli in cui scenderemo più nel dettaglio del gergo tecnico usato in merito al mondo NFT e per mettere ciascuno di voi nella condizione di scegliere in modo consapevole senza il minimo dubbio.

Purtroppo ancora oggi ci sono persone che fanno delle azioni senza rendersi conto di cosa stanno facendo esattamente, pertanto il mio obiettivo primario sarà fondamentalmente questo.

Fare chiarezza e porre chiunque nel giusto setting mentale.

Ci rileggiamo presto con contenuti ancora più dettagliati.

E se ci sono termini che non sono chiari, a breve condividerò anche un glossario così nessuno può dire che non vi abbia messo nella condizione di capire come leggere nel modo corretto questa novità che sarà sempre più presente nelle nostre vite.

Al tuo successo,

Mik Cosentino

 

PS. Sono di parte è vero ma in questo contenuto ho cercato di iniziare a sensibilizzare le persone verso questo mondo degli NFT, un mondo così vasto e ricco d’insidie che se non si fa attenzione, il rischio d’incappare in qualche fregatura è dietro l’angolo.

Del resto da che mondo è mondo, ci sono sempre (e sempre esisteranno) persone poco raccomandabili.

Perciò è mio dovere morale cercare di sensibilizzare riguardo un tema di cui se ne sentirà parlare presto ovunque, è solamente questione di tempo.

Come in tutte le cose che possono prendere potenziale, chi prima arriva meglio alloggia – se sa come muoversi.

Il mondo del marketing online, della vendita ecc, non sono finiti, ci saranno sempre! Ma gli NFT porteranno grandi nuove UTILITA’ per chi li saprà usare nel modo corretto.

E quello che sto facendo è proprio quello di far capire come questo mondo “parallelo” ha delle potenzialità non indifferenti e che restarne fuori, oggi come oggi, sarebbe da stolti.

Poi ognuno fa quello che meglio crede, sia chiaro!

L’obiettivo di questo articolo è quello d’incominciare ad entrare più nel merito di questo mondo, dando riprova che io Mik Cosentino posso parlarne perché sono stato il primo Italiano a realizzare dei progetti internazionali che prenderanno sempre più piede.

Siccome c’è abbastanza disinformazione a riguardo, voglio fare chiarezza e nei prossimi contenuti andremo più a fondo sul gergo tecnico e molto altro.

Rimani sintonizzato!

Il Primo NFT che sbarca nel mondo del cinema è Occhiali Neri di Dario Argento 

occhiali neri nft dario argento

Direi che questo articolo potremmo aprirlo così:

Occhiali Neri NFT by Dario Argento
Screenshot estrapolato dal Discord Channel Ufficiale di Occhiali Neri NFT


588 nft sono stati presi in esattamente 24 ore.

Nemmeno il tempo di aprire le danze che è andato tutto esaurito.

C’è chi direbbe sia solamente fortuna perché mi chiamo Mik Cosentino ma in realtà c’è molto di più dietro al progetto Occhiali Neri NFT e all’interno di questo articolo voglio fare chiarezza su quello che sta succedendo e che sta prendendo sempre più piede nel mondo degli NFT.

Non è lontano il giorno in cui tutti ne parleranno, già ci sono molti utenti che si stanno avvicinando a questo mondo ma di strada se ne deve fare ancora… ma direi che con l’ultimo film di Dario Argento uscito nelle sale dei cinema Italiani il 24 Febbraio 2021 agganciato con il mondo NFT… sia stata fatta la storia.

Andiamo per gradi perché non è detto che tu sia al corrente di tutto quello che è successo in questi ultimi tempi.

Come già stavo condividendo nel mese di ottobre 2021 all’interno del mio canale YouTube, le cose ora stanno letteralmente sfuggendo di mano nel mondo NFT (in senso buono però).

Chi ha avuto modo di seguire la mia storia dal principio, sa che mi occupo di aiutare i liberi professionisti, imprenditori o aziende a creare una solida presenza online sfruttando il mondo digital per promuovere la propria professione, passione o competenza trovando clienti alto spendenti per quello che è il proprio contesto.

Questo è quello che faccio da sempre.

Ad oggi le cose non sono cambiate, semplicemente si stanno evolvendo ed è giusto che le persone ne siano sempre più consapevoli.

L’esempio di Dario Argento con il suo ultimo film Occhiali Neri ne è la prova sulla rivoluzione del mondo NFT


Qui emergono ben due domande.

La prima è: cosa c’entra Mik Cosentino con il mondo NFT?

E perché mai Dario Argento ha collegato la sua uscita del film con il mondo degli NFT?

Vediamo di fare chiarezza.

Io Mik Cosentino nasco come copywriter perché dall’esatto momento in cui mi resi conto della potenza dell’internet marketing e di quanto il comunicare in modo efficace era importante, ho focalizzato lì la mia attenzione.

Se non sai cos’è il copywriting, puoi visionare un succoso articolo che trovi cliccando qui >>

Poi le cose sono evolute perché dal copywriting ho imparato i meccanismi del marketing dando vita a quella che oggi è InfomarketingX, una realtà online che aiuta le persone a digitalizzare una propria passione o competenza sfruttando gli strumenti presenti in rete.

Da imprenditore e investitore quale sono, in tempi non sospetti mi stavo rendendo conto di questi NFT – nel linguaggio popolare chiamati “immaginette”.

Dietro questo mondo delle “immaginette” ci sono tutta una serie di utilità e benefici che in pochi ancora riescono a cogliere.

Siccome è risaputo il fatto che mi piace innovare e cogliere le novità profittevoli… anche in questo caso è stato così.

Se d’apprima le persone mi prendevano in giro perché facevo video con il cellulare quando non era usuale farlo (ci sono ancora i miei video storici a riguardo che puoi ascoltare)… poco tempo fa (e forse ancora lo fanno) mi prenderanno in giro sul fatto che parlo di NFT.

Eppure un mostro sacro del cinema italiano come Dario Argento (tramite Vision Distribution) mi ha contattato per capire se avesse senso agganciare questo mondo emergente degli NFT al cinema italiano.

Faccio una precisazione: ovviamente non mi ha chiamato direttamente in persona Dario Argento. Sono stati coloro che gestiscono Vision Distribution. Ovviamente lo dico per non travisare quello che potrebbe emergere da questo testo.

Ad ogni modo… nel momento in cui ho realizzato la cosa sono rimasto piacevolmente stupito.

Non è facile ad oggi aprire la mente verso le novità, verso ciò che può realizzare un vero e proprio asset di utilità future per le quali le persone sono disposte e disponibili accedervi.

Ebbene… questa è la reale potenza degli NFT, ciò per cui la maggior parte delle persone in Italia ancora non è riuscita a cogliere appieno.

Sto cercando di sensibilizzare il più possibile le persone attraverso questi contenuti online e radio interviste.

E a proposito di interviste… eccoti l’ultima andata in onda su RTL 102.5 poco tempo fa.


Se preferisci ascoltare quanto ho condiviso, il video qui sopra ti aiuterà in merito perché gli stessi presentatori mi hanno posto delle domande tipiche che il pubblico stesso potrebbe farsi pensando a questo mondo così veloce e ancora poco compreso.

Direi che il titolo dell’intervista è piuttosto azzeccato, perché gli NFT rivoluzioneranno il mondo del cinema (e non solo!).

Quello che ad oggi è stato creato, per certi versi è stato possibile perché io stesso tra novembre e dicembre 2021 ho lanciato la mia prima collezione internazionale di NFT chiamata Birdez Gang.

C’è stato (e continua ad esserci) un bel seguito a riguardo e sono molto soddisfatto di come si stanno muovendo le cose perché proprio per quello che ho portato in Italia vedendo ciò che stava emergendo all’estero, sono appunto stato personalmente contattato da Vision Distribution SPA per lanciare il progetto Occhiali Neri NFT di Dario Argento.

Sono veramente orgoglioso per come sono andate le cose perché in questo momento che sto scrivendo questo articolo (12 Marzo 2022), la collezione NFT è andata letteralmente sold out nel giro di 24 ore precise precise.

Erano 588 gli NFT disponibili e tutti quanti sono stati acquistati con grande curiosità ed interesse, complici ovviamente le utilità connesse.

Ecco le utilità connesse ad Occhiali Neri NFT by Dario Argento


La vera forza degli NFT non risiede nell’immagine in sé e per sé. Sicuramente ha il suo fascino ma la vera forza è un’altra.

La vera forza sta nelle utilità che concede di accedere il possesso dell’NFT stesso.

Per chi non lo sapesse ancora, un NFT è un “token non fungibile”, nel senso come se fosse un gettone che ha un unico proprietario attestato nella blockchain che non può essere in alcun modo corrotto o emulato.

Ogni NFT delle varie collezioni create presenta poi delle utilità collegate – ovviamente se i suoi creatori li considerano (perché non sempre accade purtroppo).

Infatti non tutti i vari progetti di NFT che emergono hanno un reale valore intrinseco. Senza delle utilità uniche, valide e concrete, a poco ci fai con un’immaginetta salvata nel tuo wallet.

Le persone amano acquistare cose che sono realmente utili e che fanno vivere un senso di esclusività impeccabile, e più percepiscono questo con quello che un NFT concede, più saranno desiderose di farne parte.

Ovviamente deve trattarsi di utilità realizzabili, concrete e allettanti, non qualcosa “promesso” così tanto per e poi chi si è visto si è visto.

Purtroppo capita anche questo (da che mondo è mondo ahimè), ovvero di progetti lanciati e poi non si ha nemmeno modo di accedere a delle funzionalità collegate. Ma con la mia presenza ed i vari progetti che continuo a portare avanti, ci tengo a lasciare una grande impronta che faccia parlare non solo di me ma anche di quello che ne deriva, ed anche questo progetto per Dario Argento mi rende veramente orgoglioso per tutto quello che sto portando avanti con tenacia e determinazione.

Chi ha preso accesso ad uno dei 588 NFT disponibili di Occhiali Neri, riceverà dei vantaggi unici nel suo genere.

Giusto per conoscenza a chi non ne sapeva nulla o si sta interessando adesso attraverso questo articolo, i possessori di un NFT Occhiali Neri ha un pass di accesso a:

 
  • PROIEZIONE PRIVATA CON IL MAESTRO E CON IL CAST

Detenendo uno o più Occhiali Neri NFT by Dario Argento avrai accesso esclusivo a due proiezioni private a Roma e Milano, con Dario e Asia Argento ed il cast del film. Ogni NFT garantisce l’esperienza in sala sia al proprietario del token sia ad un suo ospite gratuitamente. 1 NFT = 2 Accessi unici in sala.

Le date delle proiezioni verranno comunicate prossimamente nel gruppo discord e sul nostro profilo twitter ufficiale.

 
  • GLI OCCHIALI ICONICI RAY-BAN UTILIZZATI NEL FILM, SPEDITI A CASA TUA

Occhiali Neri è il titolo del nuovo film di Dario Argento, nonché l’oggetto principale intorno al quale gira tutta la trama.

Detenendo l’NFT “Occhiali Neri NFT by Dario Argento”, avrai diritto a ricevere a casa gli occhiali originali utilizzati nel film.

Per ricevere gli occhiali originali sarà necessario detenere nel wallet l’NFT per il 2022. Gli occhiali verranno spediti 1 volta sola al possessore dell’NFT.

  • ACCESSO RISERVATO ALL’AREA DEL BRIVIDO

Ogni NFT garantisce al suo proprietario l’accesso all’Area del Brivido by Dario Argento”.

Un’area digitale protetta in cui potrai visionare contenuti esclusivi inediti, backstage, scene tagliate dal film, interviste, foto e molto altro. Ti basterà effettuare il login con il tuo wallet (Metamask o Coinbase), avere Occhiali Neri NFT al suo interno e potrai accedere a tutti i contenuti finché ne avrai la proprietà.

  • ACCESSO AL FILE EST DEL FILM OCCHIALI NERI PER VISIONARLO IN STREAMING

Ogni proprietario dell’NFT Occhiali Neri, avendo accesso all’area riservata denominata “Area del Brivido” potrà scaricare gratuitamente il file EST del film Occhiali Neri per visionarlo comodamente in streaming senza limiti di tempo.

  • COFANETTO ESCLUSIVO BLU-RAY 4K

Durante l’arco del 2022, coloro che avranno “Occhiali Neri NFT by Dario Argento” all’interno del proprio wallet, riceveranno a casa un prestigioso box contenente il Blu-Ray 4k del film Occhiali Neri.


Capisci cosa voglio dire quando dico che il vero valore di un NFT sta proprio nelle utilità a lui interconnesse?

L’elenco delle utilità condivise sono disponibili solamente per coloro che hanno preso uno dei 588 Occhiali Neri NFT disponibili.

Il solo fatto di averli nel proprio wallet da la possibilità di ricevere a casa e nella propria area riservata tutti i vantaggi qui sopra condivisi.

Tieni conto che ne avevo parlato in parte anche in un mio video che ti metto qui sotto per comodità:


Per chi fosse venuto a conoscenza adesso di questo mondo o di questo progetto, può comunque vedere i suoi sviluppi o entrare in contatto con la community stessa passando dal Discord Channel che trova dal sito ufficiale cliccando qui  >>

La vera forza dei progetti NFT risiede proprio nella community


Ciò che la maggior parte delle persone che si sta avvicinando a questo mondo degli NFT non capisce è proprio sul fatto che il successo o meno dei progetti NFT che vengono lanciati risiede proprio nella community stessa ed in quello che gli utenti percepiscono grazie ai creatori.

Si può dire per certi versi che è tutto un gioco di percezione ma alla fine è esattamente così. Si tratta proprio di confermare ciò che nella percezione di un progetto una persona crede possibile ottenere come esclusività detenendo proprio quel singolo NFT.

E nel caso di Occhiali Neri, quello che conferisce un valore aggiunto non da poco, è da rivedere nel fatto che si ha la possibilità di entrare in contatto anche con i propri idoli. Quindi è come se l’NFT accorciasse le distanze e permettesse delle occasioni che diversamente da questi contesti potrebbero essere impensabili.

Da qui nasce e si sviluppa tutto il valore percepito all’interno di un qualsiasi progetto che viene lanciato con successo sul mercato.

Grazie a questo stesso contenuto condiviso, sto cercando di sensibilizzare il pubblico di fronte un argomento che diventerà sempre più frequente ed emergente anche nel mondo della formazione marketing online.

Ma non solo, perché gli NFT trovano grande margine d’applicazione anche in tanti altri contesti. Ovviamente devono essere adeguatamente contestualizzati.

Ad esempio in America molti progetti di NFT sono agganciati con il mondo della musica e con i concerti trasmessi direttamente sul metaverso o di ristoranti che permettono di accedere a delle esperienze culinarie di alto livello solamente se si è detentori di un specifico NFT.

Capisco che per certi versi possa sembrare “discriminatorio” ma è ciò che rende esclusivo il possesso di queste “immaginette” così comunemente chiamate.

Tuttavia se è vero che noi Italiani di base siamo sempre in ritardo rispetto le novità ed i trend di mercato che avvengono nel mondo, c’è da dire che in questo caso abbiamo anticipato il corso degli eventi. Pertanto si può dire che stiamo facendo la storia nel mondo del cinema italiano associato agli NFT.

Ma quali sono i primi passi da compiere per chi si sta avvicinando da poco a questo mondo NFT?


Come già stavo dicendo in altri miei articoli e video online, la prima cosa da fare è quella di informarsi online o da fonti autorevoli che sanno quello che dicono e fanno.

Perché sappiamo benissimo quanta disinformazione ci sia e di come oggi più che mai sia facile distorcere la percezione nelle persone.

Tuttavia è nostro sacrosanto dovere e diritto costruire dei ponti e delle possibilità in chi si sta avvicinando da poco a questo pianeta completamente nuovo e ricco di possibilità.

Siamo solamente all’inizio di questo viaggio ma partire con il piede giusto sapendo cosa si sta facendo è costruire degli asset durevoli nel tempo che possono anche essere venduti in un futuro se lo si vuole;  questa è la grande potenza degli NFT.

Ovviamente io sono molto favorevole al mantenere una posizione aperta laddove mi rendo conto che i progetti meritano di essere vissuti e non soltanto “monetizzati”, ma ovviamente c’è anche questo discorso “speculativo” se così vogliamo dire.

Quindi tornando al discorso dei primi passi da fare per chi si sta avvicinando a questo mondo NFT per la prima volta, è quello di seguire e ascoltare delle sorgenti autorevoli che hanno REALMENTE applicato sul campo e non solamente nella semplice teoria, perché poi tra il dire ed il fare, ci passa di mezzo un oceano!

Perciò ancor prima d’investire un solo centesimo in qualsiasi progetto di NFT c’è da rendersi conto se si è realmente consapevoli di quello che si sta facendo senza agire solamente così perché lo fa qualcuno.

E’ sempre bene avere totale consapevolezza delle proprie azioni, perché solamente così si ha modo di mettere focus e attenzione in dinamiche che possono essere comprese e vissute al massimo.

Ancora c’è molta strada da fare ma intanto abbiamo fatto la storia del cinema italiano con Dario Argento e il suo Occhiali Neri NFT.

Siamo veramente orgogliosi di quello che è stato costruito e se vuoi saperne di più e vedere tutti i vari sviluppi del progetto in questione,

Potrai interagire con altri utenti, scambiarti opinioni e accrescere la tua esperienza in questo mondo.

Come in tutte le cose c’è un suo gergo tecnico e tutta una serie di funzionalità da scoprire ma ogni grande successo passa per la giusta conoscenza.

Qui siamo ancora all’inizio, all’inizio di una grande avventura.

Al tuo successo,

Mik Cosentino

PS. Al momento non è possibile accedere ad altri NFT Occhiali Neri a meno che non ci sia qualcuno che voglia solamente “speculare” e mette in vendita qualche pezzo ad un costo maggiorato.

Quindi per tutte le novità del progetto, rimani sintonizzato sui Discord Channel ufficiali dedicati e inizia a farti una cultura a riguardo così da non rimanere indietro con i tempi.

Poi tra un progetto e l’altro, realizzerò dei contenuti in cui sensibilizzo pure il tema NFT in generale, il gergo tecnico usato e come questo acronimo segnerà la storia in diversi contesti.

Essere tra i primi a farne parte conferirà tutta una serie di vantaggi, pertanto rimani sempre con le “antenne dritte”, perché oggi non vale più la cosa del “eh ma non lo sapevo…”

Viviamo nell’era dell’informazione, quindi l’ignoranza della conoscenza non scusa i propri insuccessi.

PPS. Ne parlò pure “il Mattino” dell’uscita del film Occhiali Neri con l’NFT collegato. Clicca qui e leggiti l’articolo integrale >>

Come gli NFT rivoluzioneranno il Business Online | Intervista RTL 102.5

intervista rtl 102.5 mik cosentino nft

Chiunque si ostini a credere che gli NFT non cambieranno le regole del gioco… rischia di trovarsi ad avere la stessa identica percezione di coloro che credevano che i social network avrebbero chiuso i battenti.

Già…

Ovviamente io Mik Cosentino non mi reputo un chiaroveggente che sa prevedere con largo anticipo gli andamenti del mercato, ma una cosa è certa: gli NFT rivoluzioneranno il mondo del business online (e non solo).

Prima di entrare nel vivo di questo articolo, permettimi di spendere due parole sulla mia persona.

Sono dentro al mondo del digital marketing dal lontano 2015 e in questi anni ho visto sulla mia pelle e sotto i miei occhi come sono cambiati ed evoluti i social network: strumenti che lentamente ma inesorabilmente hanno preso letteralmente (quasi) il controllo della nostra vita.

So che quanto sto condividendo pare essere un’affermazione piuttosto forte ma è un dato di fatto.

Ormai non si riesce a fare a meno di vedere cosa posta la gente su Facebook, Instagram, TikTok o seguire notizie su Twitter o YouTube.

Per quanto il loro utilizzo può essere differente a seconda di chi lo usa, chiunque sa cosa sono gli strumenti appena condivisi.

Cosa un pelino diversa per quanto riguarda gli NFT, comunemente visti come “immaginette”.

Anche su questo aspetto tra un attimo ci tengo a fare chiarezza.

Stavo dicendo che mi occupo di business online dal lontano 2015 e ad oggi ho dato vita ad una mia realtà online che si chiama InfomarketingX, un’azienda letteralmente digitale che si occupa di condividere ad ogni singolo studente come digitalizzare una propria passione, competenza o ramo d’azienda grazie all’infomarketing.

Di questo aspetto ne ho parlato in diversi articoli che puoi visionare cliccando qui >>

Cosa sono questi NFT? Lo rivela Mik Cosentino


Tornando al nocciolo del discorso, ultimamente si sta sentendo parlare assai di NFT – e le persone, anche quelle un po’ scettiche (proprio com’è accaduto nel lontano 2007/2008 – sono un po’ restie. C’è chi si guarda con circospezione per capire quali sono i rischi ed i benefici, chi invece ci è entrato a capofitto senza però capirne i meccanismi, e chi invece ne sta alla larga perché ha fatto le scelte sbagliate.

Come in tutte le cose nuove, bisogna conoscerle prima di muovere un solo passo. Ecco perché con questi articoli ed interviste che sto tenendo da diversi mesi a questa parte, il mio obiettivo è quello di sensibilizzare il pubblico su questi temi, perché è necessaria chiarezza.

Rispondendo molto semplicemente alla domanda cosa sono gli NFT – tradotto in gergo tecnico – vuol dire “Non Fungible Token” ovvero dei token non fungibili. E detta così vuol dire tutto e vuol dire niente.

Ma il concetto è questo: l’NFT altro non è che un “gettone” (passami il termine – lo dico per semplificare) non sostituibile con nessun altro. Si tratta quindi di un qualcosa che non può essere copiato perché è UNIVOCO.

Se le cryptomonete sono delle monete digitali e basta, gli NFT invece acquisiscono un valore importante a seconda delle utilità che gli vengono assegnate.

Ecco perché non tutti i progetti di NFT che vengono lanciati lì fuori sul mercato, non sempre sono realmente efficaci, proprio perché se le utilità che gli vengono assegnate non percepiscono valore in chi le acquista… va da sé che nessuno vuole spendere i suoi soldi per qualcosa di inutile che mai utilizzerà.

Mi pare lineare come pensiero.

Allo stesso modo funziona con gli NFT.

“L’immaginetta” che si vede, rappresenta solamente una punta dell’iceberg, perché dietro c’è davvero molto di più.

Infatti ho voluto approfondire questo tema all’interno di una piacevole intervista che ho tenuto a RTL 102.5 in cui ho parlato proprio di questo argomento.

Ecco qui il riepilogo dell’intervista:


Quello che la maggior parte delle persone non arriva a capire subito, riguarda proprio il fatto che gli NFT prendono valore a seconda delle utilità che gli vengono assegnate dai creatori del progetto stesso.

Più si crea un’esclusività che è REALMENTE percepita dagli stessi utilizzatori, meno saranno disposti e disponibili a cedere la proprietà di quell’NFT.

Inoltre se l’accesso agli stessi NFT viene limitato come numero di quantità e di prezzo accessibile… va da sé che incrementano il valore percepito al punto tale da spingere nuovi interessati a metterci mano.

Quindi l’immagine in sé e per sé non è che abbia un valore particolare, se non che nelle utilità che permette di ottenere – cosa che diversamente non sarebbe accessibile.

Pertanto si può dire che l’NFT è uno strumento che può realmente rivoluzionare il mondo del business online e non solo.

Tuttavia c’è un ERRORE banalissimo che viene commesso (ed è pure idiota) nel mondo NFT


“Tiè mi sono salvato l’immaginetta, ora anche io posso avere tutti i vari privilegi e venderla a cifre astronomiche!! Diventerò riccooo!!”

Tra le tante dicerie che frullano online, quella più insolita è proprio questa, anche perché non ha le ben che minima possibilità di reggersi in piedi.

Ogni NFT è unico ed è associato ad un specifico possessore che ha un wallet ben visibile nel circuito blockchain.

A voglia tu a fare gli screenshot…

Puoi fare qualsiasi screenshot che vuoi ma il meccanismo non funziona così. Il semplice screenshot non può essere agganciato ad un wallet e di conseguenza non ne viene attestata nemmeno la proprietà…

Quindi l’NFT dovrebbe esser visto come un biglietto UNIVOCO che ti da accesso a tutte delle funzionalità che diversamente non sono accessibili.

Ovviamente non è che avere l’NFT ti consente di avere gratis tutto il resto; si tratta di un “pass” che ti garantisce l’esclusività, poi tutto quello che ruoterà intorno all’ecosistema creato, sarà a pagamento, ma puoi spendere i tuoi soldi solamente grazie a quel singolo token.

Per fare un esempio molto “banale” ma concreto, è simile al concetto dei vari circoli.

Senza la “fee” di ingresso non puoi farne parte.

E qui con gli NFT è identico.

Una volta che hai il tuo “token univoco” poi hai l’accesso a tutte le varie utilità messe a disposizione nel progetto stesso.

Se ci pensi non cambia molto, il concetto resta sempre lo stesso, cambia solamente la modalità, con l’aggiunta che il “pass” di accesso in questo caso può aumentare di valore nel tempo, e volendo potresti venderne la proprietà per un controvalore economico, così da ricavarne un guadagno economico.

Ma diciamo che personalmente non ho questo tipo di approccio meramente “speculativo”.

Ovviamente come in tutte le cose, c’è chi effettivamente lo approccia solamente per guadagnarci senza REALMENTE interessarsi nel lungo termine ai vari progetti.

Anche io stesso in passato ho “giocato” in questo modo ma poi mi sono reso conto che la vera utilità degli NFT è nel lungo termine, creando un valore percepito nel tempo non indifferente che permette a chi ci opera di realizzare e far parte di qualcosa che ti fa sentire all’interno di un circolo esclusivo.

So che ho ribadito più volte lo stesso concetto anche se espresso in modo diverso, ma ci tenevo a farlo proprio perché c’è molta disinformazione a riguardo. Ma nel momento in cui si potrà realmente accedere a quanto promesso dai vari creatori degli NFT, sarà tutto molto più semplice da comprendere.

Io stesso ho creato un mio personale progetto chiamato Birdez Gang.

Quali sono i settori di applicazione degli NFT in italia?

nft mik cosentino


In italia al momento siamo indietro da questo punto di vista (ovviamente).

Del resto è risaputo che tutto quello che qui rappresenta una novità, all’estero ormai è già ben consolidato. Non in tutti i settori ma per quanto riguarda la nicchia NFT, all’estero sono ben noti.

Chiaramente non è che se fai dei sondaggi con la gente che incontri per strada e gli chiedi se conoscono gli NFT ti dicono che sanno cosa sono.

Questo no, ma il pubblico che è interessato a questo mondo, è piuttosto reattivo e molti di loro hanno pure diversi capitali da investire a riguardo.

Anche perché questo meccanismo degli NFT funziona attraverso gli Ethereum, quindi se quando costavano poco (come i bitcoin all’inizio) uno si è fatto il proprio gruzzoletto, adesso li può investire in questo modo per ricavarne altri (come dicevo sopra con un approccio speculativo) oppure può prendere parte a progetti che nel tempo diventeranno sempre più importanti.

Ma anche qui, bisogna saper individuare i giusti progetti che cresceranno nel tempo. Perché come in tutte le cose, può capitare che in diversi creano dei progetti, li lanciano e poi arrivederci e grazie.

Quindi ti ritrovi ad aver speso soldi senza ottenere nulla in cambio.

Ahimè c’è da fare molta attenzione a riguardo, ecco perché è IMPORTANTISSIMO seguire ed investire UNICAMENTE su quei progetti in cui i creatori sono parte attiva, ci mettono la faccia e continuano a farlo senza problemi nel tempo portando sempre più valore aggiunto.

E’ molto importante questo aspetto, ecco perché io Mik Cosentino mi sto sbattendo molto da questo punto di vista, perché ci saranno grandi novità da questo punto di vista, peccato che le persone si fermano al breve termine, aspettando quando purtroppo o è troppo tardi oppure ormai non si può fare più nulla perché le barriere d’ingresso sono così alte che l’occasione è riservata a pochi.

Tornando al discorso dei settori di applicazione degli NFT, ad esempio quello che sto facendo con la Birdez Gang è quello di realizzare dei videogiochi che sono accessibili UNICAMENTE a chi ha preso accesso ai nostri NFT.

Se sei possessore di un NFT della Birdez Gang o Baby Birdez a seconda del contesto, allora potrai avere accesso a determinati videogiochi online, altrimenti ne rimani fuori purtroppo.

Capisci quando dico che gli NFT rivoluzioneranno il modo di fare Business Online?

Questo intendo quando ribadisco questo concetto.

Per chi è abbastanza lungimirante e ci scova opportunità… beh questo è il momento di agire prima che le barriere d’accesso possano essere sempre più alte.

Come ribadivo più sopra, quello che conta concretamente è il senso di esclusività, non tanto la speculazione.

Ma ora scopriamo gli NFT di Mik Cosentino!!


Così come ho sempre fatto nel mondo del
digital marketing, anche qui nel contesto NFT mi sono mosso un annetto fa in cui ho iniziato a capirci qualcosa di più perché mi pareva fosse un terreno da perlustrare.

Siccome quando si è agli inizi di un qualcosa di nuovo, spesso ci si fa prendere dalla novità e si possono commettere dei passi falsi (che io ho fatto), ad oggi invito sempre le persone ad informarsi, interessarsi e farsi una cultura anche da diverse fonti volendo, proprio per non fare come le pecore.

Pure io mi sono “innamorato” di immagini che mi sembravano belle (per i miei gusti) senza considerare le varie utilità e la roadmap del progetto stesso, ritrovandomi poi con un pungo di mosche in mano.

Oppure all’estremo opposto, proprio perché ho sorvolato alcuni aspetti, ho perso occasioni interessanti che si sono sviluppate nel tempo.

Il mondo degli NFT ha delle sue “logiche” di funzionamento, chi prima coglie queste logiche, prima può diventare possessore di un qualcosa che in questo mondo “virtuale” può trarre sempre maggior valore.

Io Mik Cosentino non mi reputo un financial advisor che ha come obiettivo quello di condividere consigli finanziari e speculativi, lungi da me tutto questo!

Ad oggi invece quello che faccio è sensibilizzare il pubblico verso concetti che ai più sono poco compresi e vedo di fare sempre più chiarezza.

In merito al mio portafoglio di NFT, devo dire che ce l’ho piuttosto ricco di “immaginette” ma è frutto anche di errori e sbagli che ho commesso nel muovere i primi passi al suo interno.

Ecco perché a fronte dei miei errori cerco di sensibilizzare il pubblico a non fare altrettanto, in tal modo i miei sacrifici non saranno vani!

Tuttavia, a parte questa spiegazione è probabile che una domanda ti stia frullando in testa…

Chi crea fattivamente gli NFT? Hanno a che fare solamente con il mondo degli artisti?


Questa è una domanda piuttosto frequente perché rappresenta il vociferare comune presente oggi all’interno di questo mondo.

Siccome gli NFT sono delle “immaginette” (lo dico così per utilizzare un modo dire popolare), si crede “erroneamente” che il loro successo dipenda da chi le crea o che comunque abbia senso entrare in questa nicchia solamente se si ha a che fare con il mondo dell’arte, quando nella realtà dei fatti è molto diverso.

Come ho condiviso pocanzi, il successo o meno di un NFT dipende da quello che viene costruito intorno come utilità.

Lo stile dell’immagine, i colori usati e tutto il resto, hanno sì un’incidenza sul successo o meno dell’NFT stesso ma è poco influente.

Quello che “pesa” particolarmente è invece l’utilità che viene generata al suo interno come vantaggio e funzionalità nel suo impiego.

L’immaginetta in sé e per sé non ha minimo valore a meno che non venga contestualizzata a ciò che permette di accedere.

Poi va da sé che se lo stile utilizzato è figo, una persona avrà anche piacere di indossare la maglietta o il merchandising associato (ma quella è una diretta conseguenza).

Pertanto per realizzare un NFT non serve un’artista vero e proprio o una persona che conosce l’arte.

Ciò che conta REALMENTE è invece il cosa c’è dietro il suo acquisto. Se una persona non trova una fondamentale e pratica utilità nell’acquisto, non ne percepisce un controvalore EVIDENTE e non ha la percezione di sentirsi “figo” nell’avere il possesso di un “token” univoco di sua proprietà che gli consentirà di accedere a tutta una serie di funzionalità… va da sé che il valore stesso di quell’NFT non decollerà mai.

Questo è un palese dato di fatto e rappresenta ciò che le persone lì fuori non concepiscono mai abbastanza.

Come si crea un NFT e quali sono i passi da fare? L’opinione di Mik Cosentino


Parto dal presupposto che chiunque online può trovare informazioni più o meno valide a riguardo, perché in questo periodo storico è il “trend” del momento, ma sono anche dell’avviso che la cosa più funzionale possibile è pure quella di ascoltare chi ovviamente ha avuto modo di applicare concretamente sul campo la creazione di un NFT.

Ed io Mik Cosentino ho dato vita alla Birdez Gang, una banda di uccellacci arrabbiati che ha come obiettivo quello di volare in alto nel metaverso (ovviamente è un’idea simbolica, nata proprio per creare un forte senso di appartenenza al progetto – tuttavia il nostro team insieme alla community di hodlers che si è creata, stiamo apportando un certo impatto a riguardo).

Come potrai renderti conto da questo articolo, la percezione che le persone condividono nel progetto è qualcosa che innesca e crea il grande valore aggiunto a riguardo.

Senza di quello, nessun progetto di NFT riesce a salire costantemente nel tempo.

E poi questo è anche alla luce del sole, infatti se si va direttamente su OpenSea e si cerca la collezione ufficiale Birdez Gang, si può vedere l’andamento del valore del progetto stesso.

Un andamento lineare senza troppi picchi in un verso e nell’altro che testimoniano quanto sano sia il progetto.

Se fino ad oggi non avevi ancora avuto modo di scoprire il mio progetto e vuoi vederci più chiaro…

C’è da dire che questo progetto non è qualcosa di italiano ma è su scala internazionale, ed è un progetto PFP (profile pictures – specificato in modo tecnico).

Ad ogni modo la cosa realmente importante di un progetto NFT è quello di far capire il PERCHE’ una persona dovrebbe acquistare o meno quello che offri, con quale SCOPO lo fai.

Ovvero: per quale motivo le persone dovrebbero acquistare il tuo NFT e non quello di altri?

Questa è la “domanda delle domande” a cui devi cercare di dare risposta se hai intenzione di creare un tuo NFT (stessa logica da usare quando hai intenzione di acquistarne uno).

Altrimenti sarà veramente difficile realizzare qualcosa che andrà “to the moon” così come si dice in questa nicchia.

Pertanto come puoi renderti conto, non è tanto lo stile dell’immagine che fa avere successo o meno, ma tutto il meccanismo che gli ruota intorno.

Chiarito questo aspetto, scendiamo più a fondo, perché c’è molto altro di cui discutere.

Specialmente una cosa in particolare.

Gli NFT sono una BOLLA? Il parere di Mik Cosentino


Dal mio personale punto di vista, anche per quello che ho avuto modo di visionare al suo interno, possono essere una bolla, questo è probabile, ma ritengo che possano avere lo stesso andamento che è successo ad internet nel 2007/2008

Si parlava di bolla e poi? Poi internet è diventato di uso quotidiano al punto tale che senza di lui, oggi, non riusciamo a farne a meno.

E con gli NFT non dico che non riusciremo a farne a meno, ma che potranno apportare dei benefici di esclusività e di accesso privilegiato a coloro che ne detengono.

Ovviamente – lo ripeto perché male non fa – non tutti i progetti di NFT toccheranno la luna, perché tutto dipende da come verranno gestiti dai loro creatori.

Se chi crea e lancia un NFT lo fa solamente a scopo di lucro senza una visione d’insieme ben definita… a poco ci fai purtroppo.

Perciò non mi sento di dire che sarà rosa e fiori, ma per chi sa dove guardare e a cosa puntare attenzione – seguendo le orme di chi ci è già passato e conosce le regole di questi “token” – avrà sempre una marcia in più, questo è fuori discussione.

Come anche non posso nascondere il fatto che ci saranno momenti di UP e momenti di DOWN, questo fa parte del meccanismo e del gioco stesso.

Tuttavia se il solo fatto che dei momenti “altalenanti” possono in qualche modo metterti in “allarme” o non farti dormire sonni tranquilli… allora posso già dirti che questo mondo degli NFT non è una situazione sempre in crescita perenne.

Nel lungo termine, se vengono fatte le cose per bene, diversi progetti potranno crescere sempre ma se andiamo ad osservare qualche frame giornaliero o di periodo, sarà normale captare attimi di “down”.

In fondo nessun essere umano è sempre felice. Ha anche dei momenti no. Fa parte della vita, e pure gli andamenti di questi contesti seguono comunque dei principi simili.

Non voglio banalizzare, lo dico per essere REALISTI senza che qualcuno possa avere delle “false speranze” e continuare a vedere gli NFT nel modo erroneo.

Quindi a tal proposito sono certo che nei prossimi anni i progetti di NFT che hanno una roadmap ben definita, i cui creatori sono sul pezzo, si mostrano, mantengono le promesse e condividono sempre nuove utilità… beh quei progetti di NFT (a parte momenti di down che fanno parte del gioco) non vedranno mai tramonto.

Per tutti gli altri… Non serve che aggiunga altro!

Svelati i 3 ERRORI che vengono fatti nel mondo degli NFT


Come dicevo prima, io stesso ho commesso degli errori all’interno di questo mondo e purtroppo vedo anche adesso altri scivoloni che purtroppo le persone commettono per TOTALE inesperienza e per una percezione “distorta” della realtà.

Ma andiamo per gradi.

Uno dei primi errori che viene commesso quando ci si approccia al mondo NFT è quello della FOMO, fear of missing out, ovvero il fatto di rimanere fuori.

Un meccanismo di funzionamento nell’acquisto degli NFT è proprio quello della scarsità di “pezzi” acquistabili (quindi di una quantità molto inferiore rispetto alla totalità delle persone che potrebbero farne parte).

Chiaramente non tutte le persone che si mettono “in lista” poi comprano realmente gli NFT che sono disponibili. C’è chi scruta, osserva ma non agisce, e ci sta, fa parte del gioco.

E all’estremo opposto c’è invece chi è realmente interessato ad accaparrarsi uno o più “immaginette” sia per non perdersi delle funzionalità speciali dei token condivisi o sia per guadagnarci qualcosina nella loro rivendita successiva.

Infatti ci sono molti che comprano e rivendono subito dopo ad un prezzo anche di poco superiore a quello che hanno speso, anche solamente per guadagnare qualche spicciolo.

Del resto il mondo è vario, ognuno ha la sua modalità di pensiero ed è giusto così.

Allo stesso tempo però c’è da dire un’altra cosa, che ci sono persone che vorrebbero comprare a tutti i costi un NFT solamente per averlo senza mai rivenderlo e quindi seppur non si hanno sufficienti risorse economiche, si tende a comprare ad una somma che poi non si è disposti a perdere.

Mi spiego meglio.

Come dicevo più sopra, gli NFT possono essere comprati e venduti senza limiti di transazioni.

Ciò che determina il successo o il fallimento di un acquisto di NFT a prescindere da chi lo realizza, dipende anche dalla psicologia di acquisto dell’utente stesso.

Perché se l’interesse di quell’NFT dovesse diminuire per qualche motivo e chi l’ha appena comprato ha speso molto e non è disposto a perdere soldi, anzi pensava che ne avrebbe guadagnato molti di più… cosa succede?

Che si fanno errori, quindi mai investire più di quello che si è disposti a perdere, altrimenti poi è normale che si innesca una percezione sbagliata di questo mondo (che poi è lo stesso identico discorso che vale pure per altri contesti finanziari – ma in questo caso è più accentuato per i motivi che ho già descritto).

Ripeto: in ogni settore ci saranno sempre delle correzioni, dei momenti in cui si sale o si scende, e se si investe più di quello che ci si può permettere, poi si corre il rischio di uscire troppo presto dai giochi per evitare di perdere gli ultimi soldi magari che uno ha utilizzato.

Ecco perché bisogna sempre fare attenzione a come ci si approccia e alla psicologia di acquisto utilizzata.

Il secondo errore che spesso viene commesso nel mondo NFT è non sapere cosa si sta facendo. Sembra un controsenso ma eppure questo accade perché non si ha un’adeguata percezione del rischio o quantomeno di provare per poi vedere cosa succede.

Del resto nessuna persona lucida di mente si metterebbe alla guida di un aereo se non sa quali leve utilizzare, e come si devono compiere le giuste manovre di decollo e atterraggio.

In realtà la stessa lucidità mentale andrebbe utilizzata anche quando si fanno investimenti o comunque quando ci si approccia a cose nuove, peccato però che questo non succede – ed è così che si commettono gli errori più banali.

Prima d’investire anche un solo euro, uno deve conoscere cosa fa, per non rischiare di andare alla cieca così tanto per fare.

E’ fondamentale rendersi conto di ogni singolo meccanismo, perché se utilizzo i miei soldi in “immaginette” senza capirne la loro utilità ed il loro funzionamento, poi è normale che se non ottengo quello che spero (seppur non ci avevo capito una mazza) tendo a diffondere una condivisione sbagliata della situazione.

E’ molto importante sapere cosa si fa per allocare i propri soldi nel giusto contesto. Ecco l’ulteriore motivo di questi miei contenuti che hanno il compito di sensibilizzare questa materia.

C’è da dire che sul nostro Discord Channel della Birdez Gang sono stati realizzati dei tutorial apposta in merito anche ad un primo approccio a questo mondo, pertanto visionali così ti fai un’idea precisa se sei un pelino “disorientato”.

L’unica cosa è che sono in lingua inglese, pertanto se non la conosci… questo può essere un buon momento per impararla!

Considera che i materiali sono tutti gratis, ci sono tanti utenti pronti a rispondere a qualsiasi domanda e la community che stiamo creando è piuttosto reattiva, pertanto sfruttala perché anche questo è uno dei grandi valori aggiunti nel mondo NFT che non viene mai ben compreso a dovere.

Evita di pensare solamente al guadagno ma ragiona “long term”, nel senso che è più efficace ragionare in un’ottica di lungo periodo anziché di breve, perché in questo mondo, quando c’è una community ben solida con i creatori del progetto che hanno le idee chiare, condividono nuove utilità e incrementano il valore percepito del progetto… beh va da sé che quelli sono i progetti che durano nel tempo.

E’ un dato di fatto e ti invito a ricordarlo a caratteri CUBITALI.

Con questo mondo degli NFT il business online troverà delle possibilità di sviluppo UNICHE perché grazie al loro possesso, in alcuni contesti possono essere inserite delle condizioni in cui si può avere la possibilità di accedere ad eventi esclusivi, entrare in contatto con persone che diversamente non potrei conoscere, e tutta una serie di cose simili che devo prendere in considerazione.

Pure queste dinamiche hanno un valore intrinseco che deve essere sempre riconosciuto e che spesso vale di gran lunga molto di più dei soldi che poterei guadagnare se vendessi l’NFT in sé e per sé.

E’ questa la grande svolta che in pochi purtroppo comprendono.

C’è da considerare che l’essere umano è spinto a cambiare soldi per avere altro in cambio che in qualche modo possa essere dello stesso controvalore, pertanto se nella mia testa capisco che investire una somma in un NFT per tutte le utilità che mi concede valgono di gran lunga molto di più del prezzo richiesto oggi e che se continuo a mantenermi la proprietà di quell’oggetto senza doverlo rivendere alla prima occasione utile mi permette d’incrementare pure il capitale investito… posso assicurarti che il valore crescerà nel tempo, l’attaccamento al progetto pure ed i vantaggi di esserci saranno di gran lunga superiori anziché starne fuori.

Queste sono le dinamiche da tenere in considerazione all’interno di progetti simili, quindi la prossima volta che hai intenzione d’investire in NFT ricordati quanto hai scoperto fino a questo punto cosicchè saprai come prendere le adeguate decisioni senza andare così a sentimento o d’impulso.

Evita questo atteggiamento perché non porta mai a niente di che rilevante in questi contesti.

Per altri contenuti simili, seguimi pure sul mio blog dove parlo non solo di NFT ma anche di ciò che mi ha permesso di realizzare tutto quello che ho fatto fino ad oggi: infomarketingX.

Senza quel tipo di conoscenze, non sei in grado di condividere sul mercato delle novità, non sai come gestirle e come farle funzionare al meglio.

Ovviamente parlerò anche di DIGITAL MARKETING perché pure nei progetti di NFT bisogna essere capaci di attirare l’attenzione del pubblico.

E saperlo fare con la giusta etica… ad oggi ripaga più di qualsiasi altra cosa.

Al tuo successo,

Mik Cosentino

PS. Questo per dire che cosa? Gli NFT potranno dare accesso esclusivo a realtà che potranno incrementare il loro valore percepito e se conoscono anche come veicolare nel modo corretto tutta la comunicazione che ci ruota intorno… beh poco ci vuole a comprendere che ho in mano delle abilità che incrementeranno sempre il loro valore nel tempo.

Non si tratta di cancellare e dimenticare quello che è stato fatto fino ad oggi, si tratta di dare spazio a ciò che porta risultati. E qui sei di fronte una valida finestra d’opportunità, non lasciarla chiudere.